Menu

Il nostro nuovo logo: ecco perché…

NUOVO LOGO ADC ONLUS – Già da qualche mese abbiamo deciso di utilizzare un nuovo logo. Il perché è qui di seguito spiegato.

DESCRIZIONE E MOTIVAZIONI – La composizione grafica del marchio è tutta originata da una croce (la Croce) che, anche se non esplicitamente segnata, è sottesa a tutti gli altri elementi e crea lo spazio in cui essi si dispongono, così come la fede cristiana è il principio che impronta ed a cui si ispira tutta l’azione della Onlus. La croce origina e definisce i campi in cui operano ed emergono le figure umane che da essa “prendono vita”. Queste ultime danno origini – tutte insieme – ad un’altra croce, ruotata di 45° (come una croce di S. Andrea), rappresentazione dello stesso simbolo in forma “statica” (motore immobile) ne definisce lo spazio. Le quattro figure emergenti si “prendono per mano” creando na forma conchiusa e solidale di tipo ottagonale, il poligono che rappresenta il passaggio dal quadrato al cerchio, la mediazione fra materia e spirito, il percorso di “purificazione” attraverso l’impegno e l’azione quotidiana.

SIMBOLICA DEL COLORE – Il marchio esprime nell’uso del giallo/arancio delle figure la fusione tra il giallo (emblema dell’oro/sole/principio divino) e il rosso (rappresentazione di quell’amore verso il prossimo che guida le attività e gli scopi dichiarati dell’Associazione). Queste figure emergono da uno sfondo azzurro/indaco che vuole simboleggiare la sapienza (fondamento dell’istituzione scolastica cui fa riferimento l’Associazione) mescolata, ancora una volta, al rosso dell’amore, principio base dell’ispirazione cattolica nel fare del bene.

LETTERING – Il logotipo da accoppiare al marchio è volutamente lineare, ma non rigido, (studiato per facilitare la comprensione e la composizione con il simbolo), al fine di comunicare e rafforzare le intenzioni di chiarezza e disponibilità all’aiuto proprie delle finalità educative ed inclusive delle attività statuarie della Onlus.

Print Friendly, PDF & Email
Share this Post!

About the Author : Amici del Caburlotto


0 Comment

Related post

  TOP